Verniciare il Legno già Trattato con Smalto e Vernice? Ecco Tutto Quello che devi Sapere!

 

Ti sei mai chiesto qual è il modo migliore per verniciare il legno già verniciato? Si tratta di una delle esigenze più comuni per chi lavora con il fai da te e il bricolage. Anche perché spesso si decide di seguire un progetto usando legno di seconda mano, oppure perché ti sei messo in testa di restaurare qualche mobile.

In conseguenza di ciò hai bisogno di una soluzione chiara per riprendere il giusto colore e dare al legno quel fascino che lo rende inconfondibile. Devi usare pennello, smalto e vernice al meglio: in questo articolo troverai una serie di consigli che ti aiuteranno a verniciare il legno già verniciato. Al contempo eviterai danni e problemi.

Verniciare il legno

 

Lavora come un vero professionista

Ecco il primo consiglio per chi vuole riverniciare un pezzo di legno: muoversi in modo da ottenere il miglior risultato possibile. Questo passaggio prevede un serie di azioni differenti. Si parte dalla protezione personale che contempla occhiali per evitare schegge e guanti, ma soprattutto mascherina per non inalare polveri ed esalazioni.

Poi bisogna lavorare possibilmente all’aperto con i pezzi di legno grezzi, smontati. In questo modo potrai far arrivare la nuova vernice ovunque. Nella maggior parte dei casi – ad esempio per restaurare un tavolo – la procedura è quella che segue: prima si toglie lo smalto vecchio, poi si posa quello nuovo e infine si monta ogni elemento.

 

Come rimuovere la vecchia vernice

In primo luogo bisogna evitare metodi troppo aggressivi per togliere lo smalto posato in precedenza. Inoltre, dovrai fare in modo di non rovinare il mobile o il legno che vuoi usare per il tuo lavoro in officina. Quindi, meglio lasciar perdere soda caustica e altre sostanze particolarmente aggressive per operare con un elemento sempre valido: la carta vetrata. Bisogna partire con una soluzione media per poi arrivare a una fine, così da sgrossare e poi rifinire.

 

Ricorda che, prima di iniziare la fase di levigatura con la carta smerigliatrice, dovrai pulire il legno dalla polvere e dalle sfoglie di vernice che si alzano facilmente. Questo avviene quando lo smalto è particolarmente vecchio. In questo modo eviterai una parte di lavoro.

 

Verniciare il legno

Ripristina le condizioni ideali

Dopo aver carteggiato, devi valutare interventi accessori. Ad esempio, potrai correggere eventuali scheggiature e chiudere dei buchi che si sono creati nel tempo. Prima di procedere, affronta un trattamento anti-tarlo con un prodotto specifico, incolore e trasparente, oppure usa stucco per correggere errori.

C’è quello di legno pensato per i lavori più importanti e che hanno bisogno di solidità, ma puoi usare la variante di cera per chiudere piccoli fori. Senza dimenticare lo stucco di gesso che però non si usa mai per i mobili antichi in quanto la rifinitura sarebbe troppo evidente.

 

Quanto è utile una levigatrice?

A nessuno piace lavorare con il sudore della fronte. Infatti, per operare rapidamente, puoi usare una levigatrice: strumento pensato proprio per togliere vecchi strati di vernice da superfici differenti. Si può usare anche per il legno e va bene per togliere passaggi duri, spessi e particolarmente coriacei.

 

Presta attenzione però: la levigatrice non ti darà mai l’attenzione per il dettaglio, su una curva o un riccio. Ciò significa che talvolta dovrai prendere in considerazione l'idea di rinunciare al suo supporto.

 

Verniciare il legno

Regole e misure per carteggiare

Come verniciare il legno già verniciato? La misura (o grana) da usare per la carta vetrata è fondamentale. Per la fase di sgrossatura, togli la vecchia vernice e prepara al meglio la base. Presumibilmente dovrai rimanere sotto i 20 punti.

Poi c’è la levigatura preliminare che si posiziona sui 120; la ripassata fino a 200 e poi la rifinitura che arriva massimo a 600. Quest’ultimo punto riguarda soprattutto il trattamento del legno già verniciato, quindi prima del passaggio dello smalto siamo su 280/300. Sapevi che tra una mano e l’altra è bene usare una carta superiore?

 

Altre cose da sapere? Devi sempre assecondare la venatura. Mai rovinare la trama (e quindi la bellezza) della materia prima incrociando il movimento della levigatura con la striatura del legno. Segui e asseconda le linee: il lavoro sarà più facile e il risultato migliore.

 

Scegli la vernice giusta

Dove posizionerai il mobile che stai restaurando? Se, ad esempio, hai deciso di creare un divano in pallet per il giardino devi usare un impregnante per proteggere i manufatti dalle intemperie. La soluzione trasparente è particolarmente utile per lasciar intravedere le venature del legno – non perdendo il fascino di questo materiale – ma al tempo stesso eviterai che tavoli, porte e ante delle finestre si rovinino a causa dell’umidità.

 

L’impregnante di qualità consente anche di proteggere il legno da funghi e muffe, garantendo una buona stabilità del lavoro nel tempo. Quali sono le regole da seguire per la verniciatura? Molto dipenderà dal tipo di prodotto ma, in linea di massima, puoi rispettare questa regola: due mani ad almeno 16 ore di distanza, evitando colature.

 

Verniciare il legno

Ultime indicazioni

Ad ogni modo, ti ricordiamo sempre che la professionalità non si improvvisa! 

Se hai dubbi e/o un contesto particolare da affrontare ritienici a disposizione per valutare insieme il da farsi. L’importante è raggiungere il risultato che hai in mente. 

Imbianchino Roma. Imbiancatura e Decorazioni Pittoriche per la Tua Casa e Ufficio è un sito di Easy Service Solutions ed è il tuo CENTRO di COMPETENZA preferito, ricordatelo! 

Se ti è piaciuto quanto letto sin qui, saprai certamente apprezzare anche questo articolo

Se vuoi sapere di più sul modo migliore per verniciare il legno già trattato, se desideri un supporto per le tue scelte o se devi far fronte a una circostanza particolare, non esitare a contattarci. 

Oppure chiedi un preventivo gratuito e valuta insieme ai nostri esperti la soluzione migliore per la tua casa. Puoi usare l’apposito modulo di contatto o anche lasciare un commento sul Blog. Ti risponderemo il prima possibile. 

Ti invitiamo a far conoscere il nostro lavoro, a condividerlo sui social network mediante i pulsanti appositi e a lasciare il tuo “mi piace” sulla nostra pagina facebook

Per informazioni puoi addirittura chattare con noi cliccando qui.

Commenti