Muffa in Casa? Ecco la Guida Definitiva per comprenderne le Cause e per Eliminarla!

Sapevi che la presenza di macchie umide sui muri rappresenta un campanello d’allarme che potrebbe mettere a repentaglio il comfort termico di casa tua? Se muffe e batteri proliferano, possono provocare danni alla salute e conseguenze anche per gli oggetti d’arredo. È possibile controllare il problema dell’umidità? La risposta è sì. Prendiamo in considerazione le cause di questo fenomeno e i possibili interventi da attuare per prevenire o eliminare la muffa in casa.

Le muffe sono agglomerati di miceli il cui aspetto e colore variano in relazione alla tipologia di spore coinvolte e alle condizioni ambientali in cui avviene tale proliferazione.

La formazione della muffa sui muri è da ricondursi alla migrazione di minuscole spore prodotte da funghi che, trasportate dall’aria principalmente in estate e in autunno, si depositano sulle superfici di ambienti per loro “ospitali”, caratterizzati da umidità in eccesso e scarsa ventilazione. È in queste condizioni che le spore, dopo essersi stabilite, germinano e danno inizio al processo di moltiplicazione mostrando inizialmente una serie di puntini scuri che degenerano, successivamente, in macchie scure e spugnose, dette miceli.

Sebbene l’abitudine ci porti a pensare principalmente alla formazione di muffa sulle pareti della casa è importante sapere che questi microrganismi sono capaci di adattarsi a ogni tipo di superficie che presenti le giuste condizioni, come indumenti, libri, divani ecc.

È bene, quindi, cercare di arginare il fenomeno dell’umidità, o eliminarlo qualora sia manifesto, per evitare che possa diffondersi in maniera incontrollata aggravando le condizioni di comfort ambientale e quindi di salute degli inquilini.

Un’altra importante considerazione riguarda la capacità delle muffe di insediarsi in profondità, compromettendo seriamente la qualità e la durabilità degli oggetti, ma soprattutto degli edifici.

Muffa in casa: quali sono le cause?

Vi sono diverse cause alle quali attribuire la formazione della muffa in casa: scarsa ventilazione, eccessiva umidità, insufficiente isolamento termico, mancata esposizione alla luce solare e inadeguata manutenzione. Di primaria importanza è il ruolo giocato dall’umidità, senza la quale la muffa in casa non potrebbe insediarsi, né esistere. Per questo motivo è più frequente il manifestarsi della muffa sulle pareti durante i mesi invernali, quando l’umidità raggiunge percentuali elevate a causa della marcata differenza di temperatura tra interno ed esterno; questa differenza genera punti di condensa causando la formazione di goccioline di acqua sulle murature.

A incentivare i fenomeni umidi all’interno delle abitazioni e la formazione di muffa sui muri è la presenza di discontinuità di isolamento termico che si può verificare in corrispondenza agli innesti di elementi strutturali (solai e pareti verticali o pareti verticali tra loro. È necessario risolvere le dispersioni in questi punti critici per poter conseguire un maggiore risparmio energetico che si traduce in minori spese di riscaldamento e raffrescamento e un risparmio sulle spese di manutenzione dovuto a un incremento della durata della struttura e dei suoi elementi.

Muffa in casa

Tipologie di umidità

Esistono diverse tipologie di umidità, ognuna delle quali genera la formazione di muffa sui muri in modo differente; per questo motivo è necessario individuare la tipologia e di conseguenza i rimedi più adeguati affinché l’intervento possa avere esito positivo.

Le tipologie di umidità sono di tre tipi: umidità di risalitaumidità da infiltrazione e umidità da condensa.

Umidità di risalita

L’umidità di risalita sfrutta la natura porosa dei comuni materiali da costruzione per risalire, appunto, dal terreno, trasportandone i sali e depositandoli sulle pareti dell’abitazione. Le cause di questo fenomeno sono da ricercarsi nelle modalità di costruzione dell’edifico che viene spesso lasciato in contatto diretto con il terreno, senza la posa di un adeguato strato impermeabilizzante nel solaio contro terra.

Vi sono, poi, casi di abitazioni non ventilate al piano terreno o collocate a piani interrati privi di scannafosso.

L’umidità di risalita si manifesta mediante la formazione di muffa sull’intonaco e distacco dello stesso, minacciando la stabilità dell’edificio e generando problemi per la salute e danni economici dovuti alla dispersione di calore.

Umidità da infiltrazione

L’umidità da infiltrazione può essere di diversi tipi e, nonostante possa essere causata dalla presenza di acqua nel terreno a contatto con le murature esterne, è bene fare attenzione a non confonderla con l’umidità di risalita.

Come già detto una delle cause riguarda il contatto diretto dei piani seminterrati, non adeguatamente impermeabilizzati; vi sono, poi, altri fattori scatenanti, come l’esposizione alla pioggia degli edifici posti a piano terra o eventuali rotture o perdite di condotte idrauliche che agiscono negativamente sulle pareti a causa dei fenomeni di umidità che ne derivano. In sintesi il fattore scatenante è da ricondurre alla penetrazione dell’acqua nei muri o nel solaio.

 Anche in caso di umidità da infiltrazione si potrà notare l’insorgenza di macchie scure sui muri dei piani interrati, con conseguente formazione di muffa ed evidenti danni alle pareti o sollevamenti, ossidazioni e zone opache sulla pavimentazione.

Umidità da condensa

L’umidità da condensa deriva dalla condensazione del vapore acqueo dovuta a uno scarso isolamento termico  o alla presenza di ponti termici e si manifesta in modo stagionale interessando nei mesi invernali muri e locali fuori terra, in particolare angoli alti o bassi e pavimentazioni; mentre nei mesi estivi è possibile individuare gli effetti del fenomeno nelle pavimentazioni dei locali contro terra prive di isolamento termico.

Muffa in casa

Muffa sui muri? Ecco le conseguenze

Le conseguenze dovute alla formazione di muffa sui muri e alla proliferazione della stessa sono molteplici e più o meno gravi.

La presenza di muffa in casa può degenerare in un deterioramento delle finiture dell’edificio, andando a colpire intonaci, arredi e tutto ciò che è presente all’interno degli ambienti confinati, o minacciare seriamente la salute degli inquilini con il manifestarsi di irritazioni agli occhi e alla pelle, patologie allergiche alle vie respiratorie con conseguenti sintomi di asma e bronchiti croniche, o peggioramento dello stato di salute di persone già affette da determinate malattie specifiche. Naturalmente la presenza di muffa in casa influisce sul valore dell’abitazione.

È importante, quindi, riconoscere che la muffa è tossica e agire efficacemente per arginare la sua formazione o intervenire per eliminare le manifestazioni in atto.

Quali rimedi? Le tipologie di intervento

Fortunatamente esistono molteplici soluzioni per far fronte a questo problema che si differenziano a seconda del grado di criticità del fenomeno. È possibile applicare rimedi naturali laddove ci si trovi ad affrontare lievi manifestazioni; tuttavia, nel caso in cui la presenza di muffa risulti essere particolarmente estesa e radicata è consigliato l’acquisto di prodotti specifici o l’intervento di ditte specializzate.

Muffa in casa

Come intervenire in presenza di umidità di risalita

Per combattere l’umidità di risalita è possibile procedere con la realizzazione di una barriera chimica generata mediante iniezione nel muro di miscele chimiche che formano uno strato protettivo che rappresenta una vera e propria barriera contro l’acqua, ostacolandone la risalita e proteggendo i muri.

Un’altra possibile soluzione è l’intervento con l’elettrosmosi; una soluzione che, mediante l’inserimento di due o più elettrodi all’interno della muratura, permette di applicare un campo magnetico opposto rispetto a quello naturale imponendo la migrazione dell’acqua infiltrata verso il polo negativo; generando, quindi, l’attrazione verso il terreno e l’allontanamento dalla muratura.

Infine, per contrastare l’umidità di risalita è possibile scegliere l’applicazione di un vespaio areato: questo approccio prevede la realizzazione di un’intercapedine orizzontale disposta in corrispondenza delle fondazioni così da bloccare la risalita di umidità e al tempo stesso ridurre lo sbalzo termico.

Come intervenire in presenza di umidità da infiltrazione

È bene prevenire queste situazioni scegliendo materiali resistenti e posando adeguatamente gli isolanti durante le fasi di realizzazione o ristrutturazione dell’edificio.

Nel caso in cui i problemi di infiltrazione interessino il piano terra è possibile evitare l’attacco di muffe realizzando un vespaio dotato di intercapedini vuote permettendo la corretta areazione del pavimento.

Come intervenire in presenza di umidità da condensa

Dal momento che tra le principali cause dell’umidità da condensa figura la presenza di ponti termici strutturali l’indicazione più corretta è l’intervento di realizzazione di un adeguato cappotto termico per arginare la dispersione di calore.

Tuttavia è possibile attuare approcci meno invasivi quali l’utilizzo di intonaci macroporosi, la stesura di tinteggiature impermeabili al vapore, in grado di proteggere e risanare i muri con eccesso di umidità, o l’incremento della ventilazione d’aria mediante installazione di un impianto di ventilazione forzata o di deumidificazione.

Muffa in casa

Ultime indicazioni 

Ad ogni modo, ti ricordiamo sempre che la professionalità non si improvvisa! 

Se hai dubbi e/o un contesto particolare da affrontare ritienici a disposizione per valutare insieme il da farsi. L’importante è raggiungere il risultato che hai in mente. 

Imbianchino Roma. Imbiancatura e Decorazioni Pittoriche per la Tua Casa e Ufficio è un sito di Easy Service Solutions ed è il tuo CENTRO di COMPETENZA preferito, ricordatelo! 

Se ti è piaciuto quanto letto sin qui, saprai certamente apprezzare anche questo articolo

Se vuoi sapere di più sulla muffa in casa, se desideri un supporto per le tue scelte o se devi far fronte a una circostanza particolare, non esitare a contattarci. 

Oppure chiedi un preventivo gratuito e valuta insieme ai nostri esperti la soluzione migliore per la tua casa. Puoi usare l’apposito modulo di contatto o anche lasciare un commento sul Blog. Ti risponderemo il prima possibile.

Ti invitiamo a far conoscere il nostro lavoro, a condividerlo sui social network mediante i pulsanti appositi e a lasciare il tuo “mi piace” sulla nostra pagina facebook

Per informazioni puoi addirittura chattare con noi cliccando qui.

Commenti